100 scene, 300 oggetti sonori, 5 performer, una scena dipinta. Un’opera aperta che lascia grande libertà inventiva. Una nuova esecuzione/allestimento in cui «tutto è separato, tutto è insieme».

Repertoire, scritto da Mauricio Kagel (1967-1970), è la successione di un centinaio di apparizioni teatrali, tra istantanea fotografica e schizzo, il cui scopo sarebbe quello di produrre suoni e/o musica.
Dalla costruzione di strumenti utopici a scenari scenografici improbabili, in ogni situazione più o meno incredibile a volte buffa, spesso assurda, il fallimento non è mai lontano ed è questa fragilità che ci tocca ed interessa.

Evitando la caricatura, restando vicino al “testo”, alla sua forma e alle sue possibilità, è l’aspetto dadaista, la sua libertà, la sua attualità e tutta l’umanità di questo lavoro che vogliamo far apparire in questa nuova versione in cui i protagonisti di questo tipo di “saga” ci porterebbero in un mondo da sempre al limite del burlesque e della tragedia.

 

ZAUM_percussion+

Simone Beneventi

Anita Cappuccinelli

Matteo Savio

Clara Storti

Lucas Zileri
regia, scene, costumi Roberto Paci Dalò
assistente alla regia Marina Dardani
luci Alessandro Pasqualini
produzione Fondazione I Teatri / Festival Aperto
in collaborazione con Giardini Pensili, Quattrox4 Laboratorio di Circo

si ringraziano Milano Musica – Assessorato Educazione e Conoscenza del Comune di Reggio Emilia / Officina Educativa – Centro Sociale Papa Giovanni XXIII / SD Factory – Offset – Françoise Rivalland

X